• Home-volunteer-sector

    Puoi cercare per settore di intervento.

    Prova a scrivere "Ambiente" o "Animali" per trovare tutte le organizzazioni, iniziative e servizi della tua zona.


  • Home-volunteer-city

    Puoi trovare quello che cerchi vicino ad una città.

    Prova a scrivere "Bergamo" o "Milano", oppure "associazioni bergamo", "cooperative torino".


  • Home-volunteer-activity

    Una ricerca che capisce quello che stai cercando.

    Puoi cercare tutti gli "Andrea di bergamo", le "Associazioni che si occupano di ambiente a Torino", "Assistenza anziani a Napoli"

Chiudi

Ben arrivato/a su uidu.org!
Di cosa si tratta?

uidu.org è il modo più facile per rimanere aggiornato sulle iniziative che si svolgono nella tua zona e scoprire chi le organizza. Puoi scegliere il settore di intervento che prediligi, la città o l'area di riferimento e persino l'attività da svolgere. Nel frattempo non perderti L’Ultramaratona di Asolo nel segno di Voa Voa! Onlus.

Small_foto

Voa Voa! Onlus Amici di Sofia

Tutte le iniziative

L’Ultramaratona di Asolo nel segno di Voa Voa! Onlus

Da Asolo fino alla cima del monte Grappa, a circa 1800 metri di altezza,e ritorno. È l’impresa che due corridori, il 48enne Fulvio Mo...

Raccolta fondi

Da Asolo fino alla cima del monte Grappa, a circa 1800 metri di altezza,e ritorno. È l’impresa che due corridori, il 48enne Fulvio Moneghini e il 42enne Sandro Gaffurini, hanno scelto di compiere con l’obiettivo di raccogliere fondi a sostegno dell’opera solidale che l’Associazione Voa Voa! Onlus Amici di Sofia di Guido de Barros e Caterina Ceccuti, sta realizzando fin dalla sua costituzione. A favore di tante famiglie da ogni parte d’Italia, costrette a combattere quotidianamente due diverse battaglie ugualmente logoranti, contro la malattia e contro la solitudine.

La partenza dell’Ultramarathon è fissata sabato 18 luglio alle ore 14 dal centro di Asolo, che i due atleti percorreranno indossando maglietta e cappellino dell’Associazione per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla condizione delle famiglie con minori affetti da patologie rare e neuro degenerative.

Quella di Asolo è definita la Super Maratona proprio perché rappresenta una delle sfide più belle e impegnative tra quelle nazionali, con 1700 m di dislivello e un panorama mozzafiato che si snoda tra le colline di Maser e un luogo sacro come meta, la cima del monte Grappa. 20 sono le ore stimate per portare a termine la prova, puntare ai 1784 metri del monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale e ridiscendere nei duemila anni di storia del borgo.Ma al grido di ‘Credere, Amare, Resistere’, motto della Onlus, Fulvio e Sandro tenteranno di centrare il personale obiettivo di coprire i 100 Km della gara in un tempo di percorrenza inferiore al tetto precedente delle 14 ore.

Da sempre appassionati di corsa, dal 2005 ad oggi i due atleti hanno preso parte ad oltre 500 maratone in tutto il mondo, che affrontano preparandosi con 600km di allenamento all’anno. Dopo quella di New Yorknel 2008, Fulvio ha partecipato a quella lunga 111 km del deserto del Sahara sia nel 2010 che nel 2014, dove ha ottenuto un ottimo piazzamento conseguendo il terzo posto in ordine d’arrivo. Anche Fulvio e Sandro sono a loro modo ‘rari’ come le patologie di cui si occupa Voa Voa! Onlus. I luoghi impervi in cui si svolgono le corse, che richiedono un particolare sforzo fisico, fanno sì che le ultramaratone siano appuntamenti sportivi di nicchia praticati da un numero ristretto e selezionato di atleti. Tant’è i nostri due corridori si ritroveranno ad Asolo insieme a soli altri 187 partecipanti.

“Il tracciato è molto impegnativo, si deve affrontare un forte cambio di altitudine e temperatura. Se abbiamo deciso di dedicare la nostra impresa sportiva a Voa Voa! Onlus – dichiara Fulvio Moneghini – è perché la preziosa opera solidale dell’Associazione di Guido e Caterina rassomiglia molto a ciò che noi affrontiamo durante la gara. Prima di tagliare il traguardo fissato sulla cima di una montagna, ci aspetta un percorso carico diinsidie, fitto di salite e difficoltà. Una battaglia logorante simile a quella che le famiglie, nel terribile momento di una malattia inguaribile diagnosticata ad un figlio, affrontano nell’indifferenza e nell’abbandono delle istituzioni. Ma che grazie a Voa Voa! riescono a vincere ritrovando il coraggio e la forza necessaria per non arrendersi, reagire allo sconforto, superando tutti gli ostacoli della malattia e della solitudine”.

Per interviste: 3486960928 (Fulvio Moneghini)

www.voavoa.org; www.credereamareresistere.com#rarinoninvisibili @voavoaonlus




Non ci sono ancora commenti per questa iniziativa. Be the first!