• Home-volunteer-sector

    Puoi cercare per settore di intervento.

    Prova a scrivere "Ambiente" o "Animali" per trovare tutte le organizzazioni, iniziative e servizi della tua zona.


  • Home-volunteer-city

    Puoi trovare quello che cerchi vicino ad una città.

    Prova a scrivere "Bergamo" o "Milano", oppure "associazioni bergamo", "cooperative torino".


  • Home-volunteer-activity

    Una ricerca che capisce quello che stai cercando.

    Puoi cercare tutti gli "Andrea di bergamo", le "Associazioni che si occupano di ambiente a Torino", "Assistenza anziani a Napoli"

Chiudi

Ben arrivato/a su uidu.org!
Di cosa si tratta?

uidu è il modo più facile per trovare opportunità di fare volontariato vicino a te, secondo i tuoi interessi e competenze. Puoi scegliere il settore di intervento che prediligi, la città o l'area di riferimento, l'attività da svolgere.

È facile

Scegli la tua zona di interesse (Es: Milano) e comincia a sostenere le iniziative sociali della tua zona!

Non ti perdi niente di ciò che ti interessa, nel luogo che ti interessa, per le persone che vuoi aiutare

È utile

Costruisci la tua rete di contatti con persone che, come te, desiderano essere d'aiuto ad altre persone

Non è necessario essere già un volontario, né diventarlo è obbligatorio. È solo fortemente consigliato.

Enrico Micheli
Il “volontariato turistico” fa più male che bene a chi lo riceve? http://www.giornalettismo.com/archives/772363/il-turismo-della-carita/ Sarebbe bello aprire una discussione a riguardo... Secondo me fa più bene che male, anche se forse sottovaluto alcuni aspetti importanti che l'articolo affronta.
Diffuso 2 volte

Edoardo Faletti · Non ho mai preso parte a un viaggio del genere, però ci ho pensato. I nodi che vengono messi in luce nell'articolo valgono per qualunque tipologia di volontariato (è innegabile che una componente di gratificazione personale sia presente; sia se vado in Africa o sia nell'associazione sotto casa). D'altro canto però un approccio più antropologico e informato sulla realtà in cui si va a operare potrebbe essere utile per aumentare il coinvolgimento dei volontari.

2013-02-15T09:50:50+01:00


Enrico Micheli · Concordo, spetta a chi organizza il viaggio il compito di formare almeno un minimo il "turista". E ovviamente spetta al "turista" di informar si è viaggiare in modo responsabile.

2013-02-15T10:00:09+01:00


Simone Dall'Angelo · Credo sia indubbio il fine (conscio o meno) utilitaristico di fare un'esperienza del genere, però è anche vero che per tanti che vanno "giusto per fare qualcosa di diverso" c'è anche chi rimane profondamente colpito dalla situazione che trova e che magari poi si spende "per la causa" anche una volta tornato in patria. Sono pochi rispetto al totale? Sicuramente si, ma senza quel "tanto per fare qualcosa di diverso" non ci sarebbero stati neanche quei pochi. Inoltre, anche se è vero che bisognerebbe pensare più in grande (politiche agricole, etc) e non limitarsi a dare una mano solo al singolo villaggio, è comunque vero che (si spera) in ottica locale un piccolo aiuto venga dato. Ovviamente non parlo dell'aiuto economico perché questo sviluppa solo dipendenza, ma conosco persone (non più giovani .. spero non me ne vogliano) che vanno all'estero per insegnare come fare "cose" che poi, una volta diffuse dai locali, possano migliorare la vita di tutti (dentro e fuori al villaggio)

2013-02-20T11:52:36+01:00


Enrico Micheli · Concordo!

2013-02-20T12:32:45+01:00